giovedì 11 luglio 2013

ZUPPA INGLESE



Quando ero piccolina ogni tanto mia mamma faceva questo dolce, che io adoravo anche per la storia che stava dietro: mamma, fresca maestrina, insegnava sul lago di Garda e aveva una camera in affitto presso una vecchina. Quest’ultima, vedendola un po’ triste per la lontananza da casa, un giorno le insegnò questa ricetta. Da allora, ogni volta che la preparava, mia mamma ci raccontava di questa vecchina e delle sue avventure sul lago di Garda.


Ingredienti:
1 uovo + 1 tuorlo
½ l di latte
Scorza di limone
4 cucchiai di zucchero
2 cucchiai di farina
Biscotti secchi
2 cucchiai di cacao in polvere
1 bustina di vanillina

Lavora con una frusta le uova e lo zucchero. Aggiungi la farina, la vanillina e il latte fatto bollire con la scorza di limone. Fai bollire il tutto mescolando, finché non risulta raddensato. 
Riempi lo stampo alternando uno strato di crema con uno di biscotti (o di savoiardi imbevuti nel vermut, come la ricetta originale prevederebbe!).

Per renderlo più gustoso io ho aggiunto alla crema del cacao, in modo da alternare strati bianchi e neri.

Lascia raffreddare e metti in frigo per almeno un’ora. Servilo freddo!

Io credo che il mio amore per l’Inghilterra sia nato proprio grazie a questo dolce. Nel mio immaginario di bambina era un paese favoloso: se la zuppa era così, immaginarsi il resto!!!


(Per la cronaca a Sara non è piaciuto – troppo molliccio – mentre Marco se lo sarebbe mangiato tutto da solo… anche lui pensa che l’Inghilterra sia un posto meraviglioso…)
 
Buon viaggio!!

24 commenti:

  1. Bellissime la ricetta e la storia che l'accompagna! Anche io penso che l'Inghilterra sia un posto meraviglioso, e dopo questo post ancora di più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo è davvero! e te lo dice una che ci ha vissuto per quasi 6 anni!! (però lì la zuppa inglese non la conoscono...)

      Elimina
  2. Cara Anna hai finito di tentarmi ?! Adesso vado in cucina e me lo preparo . Visto che in questo periodo ho iniziato una frequentazione con il dentista ( non amorosa , anche perchè non sarebbe mai il mio tipo ), visto che a volte frequentando i dentisti sorgono alcuni problemini ,e visto che come sostiene Sara è molliccio io ....me lo preparo ,gli ingredienti li ho tutti ! Più tardi ti dico !!!!!!!! Vado....ciao....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. uuuufff!! son pure riuscita ad eliminarmi un commento... è ora di andare a nanna, decisamnte!! comunque, dicevo che mi dispiaceva per i tuoi problemi col dentista e che una bella coccola con la zuppa inglese è quello che ci vuole!! un abbraccio

      Elimina
  3. che bella storia!fantastica ricetta!bacioni simona

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. Soprattutto per via dell'ingrediente segreto: i racconti di mia mamma!

      Elimina
  5. Ecco Anna , aggiornamento zuppa inglese : preparata in nemmeno un quarto d'ora ( dunque ottimo perchè è una ricetta veloce da preparare ) - l'ho messa in frigo e l'ho lasciata per 2 ore ( perchè l'abbiamo mangiata dopo cena ) - risultato : DELIZIOSA !!!!!!! Come Marco , anch'io me la sarei mangiata tutta da sola!!! Mi è piaciuta un sacco !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho scordato di dirti che ho bagnato i biscotti nel caffè anziche ' nel vermut ( perchè sono astemia ). Bacio

      Elimina
    2. Sono proprio felice che ti sia piaciuta!! e lo sono ancora di più che tu l'abbia provata: da soddisfazione vedere le proprie ricette rifatte da altri... e il tocco del caffè? geniale! devo assulutamente provarla così... anzi anzi, devo farla provare direttamente a mamma e vedere che dice!! (anche lei come me è una golosona di caffè..)
      un abbraccio

      Elimina
  6. Buona e molliccia, come piace a me!

    RispondiElimina
  7. Ma che bell'aneddoto, dolcissimo unire una ricetta o un dolce al ricordo della propria mamma che a sua volta ha dei ricordi in merito.. lo farò presto, mi intriga assai:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. con l'aggiunta di un bel ricordo le cose hanno più sapore!
      Un abbraccio

      Elimina
  8. che bel ricordo legato a questo piatto, invece la prima volta che l'ho mangiata è stata dopo aver visto il piccolo diavolo di benigni che ne era ghiotto ciao a presto

    RispondiElimina
  9. Ciao Anna, che bella storia.. e che ricettina golosa, me la segno subito...grazie!!
    Buon w.end
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego, di niente Carmen! Fammi sapere com'è venuta!
      Un abbraccio

      Elimina
  10. Anche a noi piace molto la zuppa inglese ma non avevo mai pensato di farla nella versione "bicolore" e... mi sono subito copiata la tua ricetta!!!
    Tante serene e gioiose giornate a tutti
    nonnAnna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie nonnAnna! spero che la mia versione ti piacerà!
      un abbraccio

      Elimina
  11. Fresco come il mio tiramisù ma senza alcool, perfetta! Me la segno... storia compresa^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia! Spero ti piaccia: è un dolce molto semplice, come le cose di una volta!
      un abbraccio

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...